INFORMATIVA BREVE

Il presente sito web utilizza cookie di tipo tecnico e cookie di "terze parti".
È possibile prendere visione della privacy policy estesa e gestire l’utilizzo dei cookies secondo le tue preferenze accedendo alla presente informativa.
Cliccando su "OK" verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente accedendo alla pagina "gestione dei cookies".
 
 
 
 
 
 
 

Brennercom porta la fibra ottica a Nogarole Rocca

Brennercom porta la fibra ottica a Nogarole Rocca
 
 
Entro fine anno Nogarole Rocca sarà servita dalla banda ultra-larga. Brennercom sta realizzando una modernissima rete in fibra ottica che collegherà le zone produttive e industriali del veronese. L’azienda ICT di Bolzano sfrutterà la fibra ottica dell’Autobrennero e la rete di tubazioni messa a disposizione gratuitamente dal comune.

Le zone produttive e industriali di Nogarole Rocca saranno dotate entro l’anno di una rete in fibra ottica di ultima generazione. Nel comune di 3.500 abitanti, che si trova a circa 21 Km a sud-ovest di Verona, Brennercom ha iniziato a posare i cavi. Le aziende potranno così passare dalla tradizionale rete in rame a una potentissima infrastruttura in banda ultra-larga. I vantaggi sono enormi: velocità fino a 1 Giga, minimi tempi di latenza e massimi standard di sicurezza per servizi di telecomunicazioni e soluzioni IT su misura, anche in modalità cloud.

Il progetto è stato recentemente illustrato durante il convegno „Dall’autostrada fisica a quella digitale“ in occasione dell’annuale appuntamento del comune nogarolese con i vertici dell’A22. Presenti all’incontro c’erano Luca Trentini e Paolo Tovo – sindaco e assessore comunale di Nogarole Rocca, Karl Manfredi, Amministratore Delegato di Brennercom, Ferdinand Willeit, Presidente di Brennercom, Walter Pardatscher, Presidente dell’Autostrada del Brennero e Paolo Duiella, Amministratore Delegato dell’A22.

„Nel corso delle opere di urbanizzazione realizzate anni ’90 venne posata una rete di tubazioni in vista di futuri sviluppi infrastrutturali. Oggi il comune di Nogarole Rocca mette a disposizione gratuitamente i tubi, facilitando molto il nostro lavoro. Nella realizzazione di una rete in fibra ottica, gli scavi sono infatti la voce di costo più importante e allungano spesso i tempi di realizzo dell’opera“ spiega Ferdinand Willeit, Presidente di Brennercom e cittadino onorario di Nogarole Rocca. Dal Brennero fino a Modena, la dorsale in fibra ottica corre lungo l’A22. Dal casello di Nogarole l’infrastruttura sarà condotta alle zone produttive e industriali a est dell’autostrada. I cavi saranno posati direttamente nelle tubazioni esistenti. Entro Natale Brennercom collegherà le imprese dell’area a una rete internet ad altissima velocità. L’azienda ICT sudtirolese ha esperienza in questo campo: su incarico della Provincia Autonoma di Trento nel 2011 ha realizzato una rete in fibra ottica nella zona industriale di Ravina. Quest’anno invece Brennercom ha dotato di una modernissima rete in banda ultra-larga la zona industriale di Spini e l’Interporto Doganale di Trento e ora sta posando la rete FTTH (Fibre To The Home) nella zona industriale di Volano a nord di Rovereto.

„La fibra ottica a banda ultra larga migliora fino a migliaia di volte le prestazioni dei tradizionali collegamenti ADSL su rete in rame. La fibra ottica è attualmente la migliore tecnologia al mondo per il trasporto dei dati, non solo per l’ampiezza di banda e la velocità di trasmissione, ma anche per la sicurezza. I cavi in fibra sono flessibili e immuni dai disturbi elettrici, resistono alle condizioni atmosferiche più estreme e sono poco sensibili alle variazioni di temperatura“ spiega l’Amministratore Delegato Manfredi. Anche Denis Faccioli di Confindustria Verona è convinto dei vantaggi offerti dalla fibra: „Nogarole Rocca ha risposto per prima e con estrema velocità. Il progetto promette sviluppo in un momento di crisi dei mercati. L’unità messa in campo dalla politica darà vita a una realtà produttiva di eccellenza, che farà scuola”. “Solo il 22 per cento delle aziende in Veneto può usufruire di un sistema ADSL veloce e molte aree sono ancora sguarnite. Ma è un’esigenza ineludibile per agganciare lo sviluppo” ha aggiunto Tovo.
 
 




DE IT EN
Italiano
OK