INFORMATIVA BREVE

Il presente sito web utilizza cookie di tipo tecnico e cookie di "terze parti".
È possibile prendere visione della privacy policy estesa e gestire l’utilizzo dei cookies secondo le tue preferenze accedendo alla presente informativa.
Cliccando su "OK" verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies che potrà essere gestita e modificata anche successivamente accedendo alla pagina "gestione dei cookies".
 
 
 
 
 
 
 

Brennercom: cloud per essere veloci e fare business

Brennercom: cloud per essere veloci e fare business
 
 
Con il cloud computing l’IT diventa un servizio. Perché è una rivoluzione per il business? Che cosa cambia? A chi serve e per fare cosa? Il 16 maggio a Villa Cariola (Caprino Veronese) Brennercom ne parla con esperti del settore IT e aziende che hanno già impiegato con successo questa nuova tecnologia.

A un anno dal lancio di b.CLOUD, l’offerta cloud computing di Brennercom, l’azienda ICT con sede a Bolzano e filiali a Trento, Verona e Milano fa il punto sullo stato dell’arte del cloud e sulle sue promesse: efficienza, riduzione dei costi, scalabilità, flessibilità, sicurezza. E naturalmente innovazione.

In un convegno a Villa Cariola dal titolo “b.CLOUD, HIGHWAY TO THE FUTURE”, Brennercom dialogherà con esperti del settore IT. All’appuntamento di venerdì 16 maggio porteranno la loro testimonianza anche due aziende venete e una banca di Bolzano che hanno già fatto esperienza nell’utilizzo di questo nuovo modello di erogazione e fruizione di risorse informatiche – reti, server, memoria, applicazioni e servizi – dinamico e altamente automatizzato.

“L’IT sta vivendo una nuova fase: da bene si sta trasformando in un servizio. Dalla proprietà di una serie di oggetti singolarmente identificati al possesso di soluzioni virtuali, il passaggio sarà praticamente obbligato. È un futuro che sta rapidamente guadagnando terreno. L’IT sarà ovunque. Anzi, in gran parte lo è già oggi. Perché chi vuole essere competitivo, deve per forza essere veloce. E in questo processo, il cloud è un anello fondamentale per essere veloci e fare business” dichiara Karl Manfredi, amministratore delegato di Brennercom, operatore di telecomunicazioni tra i più rilevanti in Alto Adige e in Trentino, che lo scorso anno ha realizzato una rete d’accesso ultraveloce in fibra ottica FTTH (fibra ottica fino all’utenza finale) a Nogarole Rocca a sud di Verona. Ora l’azienda si appresta a cablare Affi e Pegognaga, comuni dislocati lungo l’asse dell’A22. Brennercom è anche fornitore di servizi informatici avanzati che poggiano sui due grandi data center di Bolzano e di Trento, uniti dall’autostrada ottica più veloce d’Italia (100 Gbit/s) e su un terzo data center a Innsbruck (Austria) appena completato. “Abbiamo da poco ottenuto la certificazione Cisco Cloud Service Provider. È un riconoscimento che ci riempie d’orgoglio, soprattutto perché siamo una piccola ma dinamica realtà a livello nazionale e una delle prime aziende ad averla ottenuta in Italia” aggiunge l’a.d. Manfredi.

L’incontro a Villa Cariola è dedicato inoltre alle prospettive del cloud, l’innovativa modalità che permette alle imprese di accedere ai servizi informatici sempre più come alla rete elettrica o a quella idrica: a consumo. Alle aziende non viene, infatti, più richiesto di realizzare onerosi investimenti in sistemi di elaborazione e di archiviazione. È un vantaggio straordinario anche per le piccole e medie imprese.

L’azienda di Bolzano ha già raggiunto risultati importanti in Trentino Alto Adige. Oggi, 75 delle prime 100 imprese della provincia di Bolzano per fatturato e 42 delle prime 100 della provincia di Trento utilizzano i servizi di comunicazione di Brennercom.
Dopo il saluto di Karl Manfredi e Marco Fanizzi, rispettivamente amministratore delegato di Brennercom e amministratore delegato di EMC Italia, il convegno verrà introdotto e coordinato da Gianfranco Fabi, editorialista de Il Sole 24 Ore e docente al Master di Comunicazione dell’Università Cattolica di Milano. Il pomeriggio si svolgerà con il punto di vista dei rappresentanti di alcune delle maggiori aziende informatiche mondiali quali Cisco e EMC, partner tecnologici di Brennercom: Bruno Pierro, responsabile cloud di Cisco Italia illustrerà i servizi cloud delle aziende moderne; Andrea Castellano, Client Solution Manager EMC Italia, presenterà le soluzioni per il cloud di EMC; Stefano Mainetti, condirettore scientifico dell’Osservatorio su cloud e ICT as a Service della School of Management del Politecnico di Milano, parlerà dei livelli di adozione del cloud in Italia, delle opportunità per le imprese e dei trend di mercato; Karl Manfredi, amministratore delegato di Brennercom, presenterà b.CLOUD, ossia i servizi cloud di Brennercom fondati sulla rete in fibra ottica di ultima generazione. Seguirà una tavola rotonda in cui verranno presentate le esperienze di aziende nell’impiego delle nuove tecnologie: Pierluigi Bevilini, condirettore generali di Südtirol Bank racconterà dell’esperienza cloud di una banca senza sportelli mentre Diego Visentin, titolare di Kuik-Fast Solutions e Diego Bozzetto, CTO Manager di Tegola Canadese SpA presenteranno le esperienze di due aziende innovative dal punto di vista tecnologico.

b.CLOUD, HIGHWAY TO THE FUTURE.
Maggiori informazioni su www.event.brennercom.it


BRENNERCOM
Brennercom è tra i più dinamici operatori di comunicazione e fornitori di servizi IT, con ruolo di cerniera tra il Nord Italia e il mondo di lingua tedesca e filiali a Innsbruck e Monaco. Fornitore di riferimento per le aziende del Trentino Alto Adige, porta reti ottiche in diverse aree del Nord Est collegate al suo backbone Milano – Monaco e fornisce servizi di cloud computing che poggiano sui data center di nuova generazione di Trento, Bolzano e Innsbruck. Brennercom SpA ha realizzato nel 2013 ricavi per 32,1 milioni di euro, in aumento dell’1% circa rispetto all’esercizio precedente, con ricavi a livello di gruppo per 40 milioni. I dipendenti sono 120 (180 a livello di gruppo che comprende Telefonia Alto Adige Srl e Met Italia Srl). Maggiori azionisti sono il gruppo Athesia (48,3%) e la Provincia Autonoma di Bolzano (42,3%).
 
 




DE IT EN
Italiano
OK